CRESCITA: “COME TI CHIAMI?” “MI CHIAMO MARIO”

LABORATORI TEATRALI INTENSIVI, per chi intende approfondire la formazione, possibilità di scegliere uno o più laboratori tra quelli proposti

I laboratori hanno come obiettivo lo sviluppo di alcuni ambiti della pratica sulla scena a partire da un progetto artistico autoriale. Prevedono una restituzione pubblica finale. È possibile frequentare questi laboratori solo dopo aver frequentato il corso propedeutico o aver dimostrato tramite colloquio di possedere la grammatica di base del  lavoro sulla scena.
Saranno proposti tre laboratori condotti da tre artisti\formazioni diverse per biografia artistica e poetica che svilupperanno una personale visione della scena e del testo scelto.

CRESCITA: “COME TI CHIAMI?” “MI CHIAMO MARIO” | A cura di Sandra Garuglieri

 

Per ogni azione c’è una reazione uguale e opposta
Isaac Newton

 

Reazione è una delle parole chiave di un’ideale mappa di riferimento, una parola/luogo per l’attore in formazione verso un “itinerario possibile”.
Il compito dell’attore in scena è quello di reagire nel momento giusto a ciò che accade intorno a lui: le azioni visibili sulla scena sono soltanto reazioni a qualcosa che è accaduto in precedenza.
La parola stessa è un’azione e il meccanismo dell’azione/reazione è declinato anche per la
pronuncia del testo. Dire il testo significa sempre reagire a qualcosa detto in precedenza, proprio come agire (l’azione) risponde a qualcosa fatto
in precedenza.
Ascoltare e rispondere, è questa la sintesi del lavoro di un attore sulla scena.
Dalla capacità di reazione dell’attore dipende la sua creatività: “L’immaginazione non si sviluppa forzandola in gesta prodigiose e autocoscienti di creatività; sviluppiamo l’immaginazione attraverso l’osservazione e l’attenzione”.
L’attenzione è infatti ciò che permette l’atto di creazione dell’attore. A differenza della concentrazione che produce una sorta di isolamento, l’attenzione provoca nell’attore un moto centrifugo che apre all’esterno e colloca mette l’attore nello stato di allerta necessario alla reazione, quindi alla creazione.
Durante il seminario lavoreremo per sviluppare e comprendere appieno questo concetto fondamentale, prendendo a pretesto alcuni dialoghi selezionati dall’opera di Harold Pinter

DOVE Sesto Fiorentino
Laboratorionove House

QUANDO
dall’ 11 gennaio al 17 marzo 2022
2 incontri settimanali
martedì e giovedì dalle ore 19.00 alle 21.30

◊ CF 15